Parole sfuse che costano meno

Le donne vengono da Venere, gli uomini da Garbatella

C’è grossa crisi in sala

movie_ticket1.jpg 

Non potendo cominciare lo spazio sui consigli dai tempi dei fratelli Lumiere per ora mi attengo alle pellicole ancora in sala per permettervi di evitare film incredibili e godere di chicche di nicchia che altrimenti sfuggirebbero all’attenzione.
Nel primo post in merito vorrei fare alcune premesse. Tranne rarissimi casi, chiunque entri in una sala cinematografica di solito ha almeno un’idea di quello che andrà a vedere. Detesto chiunque esca da “Die Hard 4” piuttosto che da “pitoni assassini contro Dracula” commentando: “Che americanata”. Cazzo ti aspettavi? un’analisi intimista sulla morte del cuore dei minatori uzbeki?
Allo stesso modo credo che uno schermo grande come un appartamento e 42 casse disposte a surround servano a mostrare immagini e suono all’altezza e vadano a cagare i drammi intimisti de noantri girati in 8mm con la fotografia degna dei ragazzi della terza C.
Per questo ritengo che quasi tutti i film di norma strappino la sufficienza se inseriti nel loro genere per cui, a meno che non sia una prova di iniziazione a una confraternita o l’odioso ricatto sessuale dell’accompagnatrice femminile, lo spettatore consapevole deve giudicare serenamente sia “deep rising” (film de mostroni con l’assalto di calamari giganti) che “il giardino delle vergini suicide”.

Quando le aspettative vengono invece stravolte, nasce il capolavoro o la cacata pazzesca, e proprio di questo vorrei parlarvi come debutto. Lo spacca cuori è un trappolone confezionato alla grande da un mago dei trailer che ha condensato in 100 secondi tutte le gag degne del film. I restanti 92 minuti si sono accaniti su di me e i fratelli Valentini facendo serenamente rimpiangere Natale alle Bahamas di prossima uscita, con battute tipo “pisellami!!!” e scene meravigliose in cui una fanciulla si cala le mutande e coram populo orina su Ben Stiller.. mannaggia alla zozza! Quattro senza appello per decisione collegiale.

A conforto di ciò due gemme di film di genere decantati poche linee fa, Ratatouille e The Bourne Ultimatum. Il primo è un film gradevole, lungo il giusto, tenero e divertente in stile Disney ma con poca morale cattolica natalizia.

Nel secondo invece, una volta fatta la domanda: “Ma perché rompete i coglioni sempre a lui?” il tempo rimanente viene riempito ininterrottamente da esplosioni e raffiche di fucile mitragliatore senza badare molto alla legge di gravità o altre quisquilie simili, film di riferimento per gli amanti del genere.  

Andate al cinema!  

Angolo del DVD

The Queen è una cacata indecente, se volete fare gli impegnati affitatevi “la vie en rose”

Annunci

novembre 12, 2007 - Posted by | Mariani Consiglia

3 commenti »

  1. “l’odioso ricatto sessuale dell’accompagnatrice femminile”…non ho parole di fronte a tanto spudorato sessismo di bassa lega!!
    Però per il resto mi hai fatto sorridere per 5 minuti, ed è sicuramente più di quello che riesce a fare un qualsiasi film vanziniano.

    Commento di Anonimo | novembre 13, 2007 | Rispondi

  2. Ho appena visto un film meraviglioso sugli skater anni 80′ della vecchia (e mai abbastanza rimpianta) DDR. Altro che le “vite degli altri”…

    Commento di Nonno | novembre 29, 2012 | Rispondi

    • questa tua commistione di voglia di democrazia e nostalgia per la Staatssicherheit è indice di grande turbamento personale. Ne deduco tu non abbia mai letto la mia opera principe : “l’uomo con l’impermeabile”

      Commento di zemariani | novembre 30, 2012 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: