Parole sfuse che costano meno

Le donne vengono da Venere, gli uomini da Garbatella

Karma chameleon

mani_mantra

Per chi non fosse pratico di ascetismo e tecniche di meditazione, un mantra è una successione di parole non obbligatoriamente di senso compiuto che aiuta ad allontanare i brutti pensieri ed a focalizzare il proprio io interiore sulla positività fino a raggiungere l’illuminazione.
L’immagine in testa al post è la trascrizione in tailandese di quello che probabilmente è il mantra più conosciuto al mondo, il famoso “Om, mani padme hum” (quello della vecchia pubblicità delle Halls Mentoliptus, per le capre videomaniache).
L’idea di base è molto buona: concentrarsi profondamente, scacciare tutte le perturbanti influenze esterne e accogliere il benessere. Certo, magari farlo su un altopiano del Tibet può essere più facile rispetto a chiudere gli occhi e cantilenare sul lungotevere verso le 19 con un Hummer dietro che ha messo una zeppa sotto il clacson però in momenti di crisi non si può sottilizzare e qualunque zattera va afferrata per evitare il naufragio ed evitare una condanna per vilipendio a capo di stato estero, percosse e disturbo della quiete pubblica.
Quando ero piccolo, papà mi diceva sempre: “prima di parlare, pensa cento volte a quello che stai per dire e poi stai zitto”. A valle di questo giusto consiglio paterno che ho seguito davvero poco mi chiedo: ma a via della conciliazione sono tutti orfani che aprono la bocca e gli danno fiato alla prima minchiata che gli capita per la testa?
Una settimana fa, durante un risveglio difficoltoso ho ascoltato nel giornale radio una notizia molto natalizia che mi aveva messo di buonumore: “la Francia propone una moratoria internazionale per abolire il reato di omosessualità”. Non faccio nemmeno a tempo a rallegrarmi per il bel gesto dei mangia ranocchie che la giornalista conclude: “ferma opposizione del vaticano”. Come “opposizione del vaticano”, in che senso? “Il cardinal vicario spiega” (ah ecco ora mi spiegherà) “che la contrarietà nasce dalla paura che questo possa essere considerato un  precedente giuridico per il riconoscimento dei diritti delle coppie gay”……. Seguono 4 secondi imbarazzati di silenzio della speaker che da la linea alla cronaca politica che comunque da sempre spunti di buonumore.
Non molto convinto dalla sicuramente sensata risposta dei dottori della fede mi sono comunque alzato per preparare la colazione rimuginando continuamente sulle parole udite cercando di porle in maniera che una mente semplice le potesse capire e all’ennesimo colpo di spazzolino mi è sembrato di afferrare un concetto del tipo “accoppateli ma non sposateli” che mi sembra molto in linea con le necessità della chiesa visto che fortunatamente il reato di pedofilia e di omosessualità sono ben distinti in gran parte del mondo evangelizzato.
Sollevato dal fatto che le mie passioni siano considerate reato in un numero minore di stati rispetto al farsi i cavoli propri e portarsi a casa propria una persona dello stesso sesso, ho archiviato la boutade vaticana attribuendola a una partita fallata di olanzapina  (o di un qualunque altro neurolettico) per contrastare la schizofrenia del prelato bontempone e pensando che alla fine per un punto passano infinite rette ho concluso che non era giusto tirare giù il colonnato di San Pietro con un cingolato per una capa bacata.
Forte della mia rinnovata pace natalizia mi ero quasi dimenticato del tutto dell’episodio quando ieri sera il nuovo presidente della CEI (che non è il comitato elettrotecnico italiano) ma il consiglio episcopale e che risponde al nome di Crociata (gesùgiuseppeemaria proteggeteci voi) ha calato il carico da 11  annunciando che la chiesa è contraria ai matrimoni misti perché falliscono e poi l’impatto ricade sui figli.
A
 parte che al momento non intravedo per me delle nozze con una bella berbera per cui me ne frega poco, a parte l’istintivo “fatte li cazzi tua” che mi è scappato a denti stretti, a parte tutto insomma… ma voi se aveste mai dubbi sul matrimonio e su come crescere i figli chiedereste lumi a un uomo che si veste di rosa shocking e merletti?

crociata

Annunci

dicembre 5, 2008 - Posted by | Er cuppolone

4 commenti »

  1. meglio chiedere a mazzone, là dietro…

    Commento di gepi | dicembre 5, 2008 | Rispondi

  2. hai capito dov’è finito Carletto? Sarà che prima del derby c’aveva fatto una mezza speranza a tornà sulla panca della Magica?

    Commento di cosimo | dicembre 6, 2008 | Rispondi

  3. giusto per dire che simili geni, io li conosco e me ne vanto.

    Commento di marco | dicembre 8, 2008 | Rispondi

  4. Non solo rosa e merletti: SOMIGLIA IN MODO INQUIETANTE A LOTITO!!!!!!! Onestamente comunque mi illumini: pensavo che la cosa che citi io la avessi sentita dire in una trasmissione di deliri, catene e sangue di Richard Benson. MI assicuri invece che trattavasi di Radio Rai? Ma tu pensa…. beh comunque io, per non saper né leggere né scrivere (cosa peraltro conclamata) ieri in occasione della Immacolata mi sono visto OMEN – IL PRESAGIO. Finisce bene, tutto sommato, la pellicola… :-) DAJE LA ROMA!

    Commento di Luca | dicembre 9, 2008 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: