Parole sfuse che costano meno

Le donne vengono da Venere, gli uomini da Garbatella

Da Bagno Oscar


In un post precedente (https://tuttologia.wordpress.com/2009/10/04/tutto-e-relativo/) avevo esordito teorizzando quanto la relatività condiziona i nostri giudizi.
Il valore assoluto è un bene effimero assolutamente sopravvalutato ed a conferma di ciò mi piace ricordare un aneddoto di quando spalavo fanga nei cantieri.
C’era un operaio che faceva a botte con tutti, rompeva le palle ogni 5 minuti per un aumento e si lamentava in continuazione. Feci una telefonata al mio capo americano chiedendogli se non fosse stato il caso di trasferirlo altrove e il capo mi disse : “Ma te sei scemo, è il migliore che hai!” stupito chiesi “cavolo, ma è così bravo?” “non ho detto questo” fu la laconica risposta. Il tutto per ribadire che anche per gli americani nel paese dei ciechi l’orbo è re.
Questo grande insegnamento di vita è applicabile sempre ed ha anche un corollario ossia che in corsa a due la vittoria non è sempre sinonimo di qualità ma solo di minore fetenzia e quando la gara è truccata nemmeno di quello.
Forte di questa saggezza, domenica sera mi ero preparato all’appuntamento della notte degli Oscar con l’animo in subbuglio. Felice ma molto agitato.
La mancata candidatura di quella sozzeria di “Gomorra” mi aveva fatto ben sperare per una selezione di qualità ma l’uscita delle liste ufficiali mi aveva gettato nello sconforto. 108 nomination per la tragica epopea dei felini blu quando tutto si sarebbe potuto risolvere facendo castrare quel fetentissimo gatto azzurro.
Avatar era stato candidato per tutte le categorie esistenti più alcune create appositamente da “miglior film” a “cassiera più bona durante la prima”. Credo fosse anche previsto un siparietto in cui Cameron si sarebbe esibito in un numero da giocoliere sostituendo le clavette con le statuette vinte.
Proprio quando m’ero rassegnato alla marea di insulti che avrei ricevuto dai seguaci della lettiera cosmica (“Hai visto spocchioso che non sei altro.. ha vinto più oscar del padrino! Eh, ora non parli più?” obbligandomi a trovare un avvocato perché una mano in faccia lì era automatica) l’8 marzo ha mietuto la sua vittima più illustre ed il populismo più bieco ha prevalso sul potere dei dollari.. 3 miliardi e passa non sono bastati a debellare la ghiotta occasione di far vincere l’oscar a una donnanel giorno dell’emancipazione.
And the winner is (rullo di tamburi): “the hurt locker”!!!!!!!!! yeaahh coriandoli e mimose per tutte con annessa micro scossa di terremoto per le evoluzioni cimiteriali dei fratelli Lumiere sconvolti dalla notizia.
Il film della Bigelow è la classica truffa del pacco e contropacco che ti fanno al casello di Napoli. Il trailer è tutto botti, fiamme, roghi.. poi apri la confezione ed al posto del telefonino ci trovi il mattone. La pellicola è così brutta e noiosa che dopo essermi addormentato 3 volte durante la visione ne avevo cancellato ogni ricordo e quando l’hanno inserita nella decina dei candidati mi sono rammaricato di non aver mandato all’Accademy il filmino del varicocele del mio cane che quanto ad azione e dialoghi non ha nulla da temere rispetto alla pellicola vincitrice del capoccione d’oro.
Per rifarmi la bocca sono andato a veder Shutter Island, opera di un regista vero, con degli attori veri e persino una trama vera. Il film è bello, bello, bello e solo di un’incollatura sotto Good Fellas o Casinò ma è un Scorsese ai massimi livelli.
Se l’anno prossimo non truccano il concorso candidando qualche boiata new age di un regista pakistano sordocieco che dirige la troupe frienendo come una cicala direi Martin si porterà a casa premi sufficienti per giocarci a bowling!
No al femminismo a scapito della qualità!

Annunci

marzo 9, 2010 - Posted by | Mariani Consiglia

11 commenti »

  1. Esagerato. Scomodare il femminismo per interpretare un plateale confronto (ex)coniugale conclusosi nell’unico modo possibile…
    O inesperto?
    E’ anche il tuo destino. E’ solo questione di tempo.

    Commento di TheFoolish | marzo 9, 2010 | Rispondi

    • Maro’.. the foolish.. io capisco che vi possiate vergognare a manifestarvi pubblicamente come lettori de sta monnezza però quanta poca soddisfazione che mi date…

      Commento di zemariani | marzo 10, 2010 | Rispondi

  2. me pare che li unici 2 film veramente cazzuti della bigelow erano point break e strange days, entrambi scritti, prodotti e – non ci giurerei- diretti (?) da cameron.

    passi il buio si avvicina perche me piacciono i vampiri e c’è bill paxton.

    ma blue steel e quello con sean penn fanno abbioccare

    Commento di roberto | marzo 15, 2010 | Rispondi

  3. Mago sono andata a vedere Scorsese, avevi ragione, sublime.
    The hurt locker a questo punto nemmeno me lo vedo.

    Commento di Moi | marzo 19, 2010 | Rispondi

    • ormai sulla tua identià c’è la snai che da le quote..

      Commento di zemariani | marzo 30, 2010 | Rispondi

    • Moi dicci chi sei. In cambio il Mago ti porterà allo stadio a vedere la Roma (Becio).

      Commento di Anonimo | marzo 30, 2010 | Rispondi

  4. Ma a vedere la Roma ci vado da sola e mi dolgo profondamente dell’imborghesimento del Mago che non vedo da anni in curva…
    Torno a sgranocchiare pop-corn in attesa di un nuovo intervento di da uiza!

    Commento di Anonimo | marzo 31, 2010 | Rispondi

  5. Ma a vedere la Roma ci vado da sola e mi dolgo profondamente dell’imborghesimento del Mago che non vedo da anni in curva…
    Torno a sgranocchiare pop-corn in attesa di un nuovo intervento di da uiza!

    Commento di Moi | marzo 31, 2010 | Rispondi

    • attenzione.. dunque curvaiola.. io sono imborghesito dal 2002, anno del passaggio indistinti dopo che uno mi ha detto che me voleva mena al grido di “nun c’è perché”

      Commento di zemariani | marzo 31, 2010 | Rispondi

  6. A parte qualche furtivo avvistamento al bar mi dispiace dire che non ti ho più visto in effetti… Ho anche pensato che mi fossi finito in tevere o addirittura che ti fossi affiliato al clan Fiordoliva (sebbene io ignori se la famiglia del Fra’ abbia ancora il vitalizio in tribuna d’onore). Il tutto ovviamente dopo aver escluso una lazielizzazione. Fiuuuuuuu.

    Commento di Moi | marzo 31, 2010 | Rispondi

  7. niente, come dice finocchiaro.. “aho, m’arendo, chi dovessi da esse?”

    Commento di zemariani | aprile 1, 2010 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: