Parole sfuse che costano meno

Le donne vengono da Venere, gli uomini da Garbatella

Ricette genuine


In 7 lustri abbondanti di vita sono stato molte cose, ho avuto persino i capelli color lavanda ma magro temo di non esserlo proprio stato mai.
Aldilà delle mie personalissime colpe questo è in parte dipeso dal fatto che tutte le donne della mia famiglia ci sanno fare e parecchio ai fornelli dalla tata Anna che mi nutriva a baccalà e patate fritte per svezzarmi a mia madre e mia sorella passando per entrambe le nonne che vedevano nella sostanza la chiave dei loro piatti.
Sono quindi cresciuto nell’incrollabile certezza che per realizzare qualcosa di buono bisogna partire da basi solide, da ingredienti eccellenti perché con elementi scadenti un po’ di fantasia può giovare ma il risultato finale sarà sempre una mezza monnezza.

Evidentemente anche la mamma di Stallone la pensava così ed ha bene insegnato al figliolo che ha ben raccolto le prescrizioni familiari applicandole al suo lavoro. Così è nato un piccolo capolavoro: “the expendables”.
Oltre ad essere un meraviglioso film “di menare” l’ultima opera di Sly in veste di attore e regista è un meraviglioso caso di coralità visto che tutti i migliori specialisti del settore hanno risposto all’appello con le eccezioni di quelli ingiustamente detenuti per reati contro il patrimonio come Wesley Snipes.

Stallone, Willis, il governatore della California, Jet-Li, Lundgren (se non sapete chi è vergognatevi), Rourke e Statham mettono in scena un film talmente semplice e squisito da non sembrare vero.
La trama è di quelle che entusiasma dal primo minuto: c’è un isola con un sanguinoso dittatore.. non credo che serva altro. Il resto sono 100 minuti di uomini vaporizzati, grosse armi imbracciate da uomini ancora più grossi e palazzi demoliti a mani nude o quasi.
Commovente.
Mesi di attesa febbrile sono stati ripagati con abbondanza di azione e polvere da sparo e sono certo che questo film partito in sordina presto conquisterà un folto pubblico grazie alla purezza del messaggio che veicola: Co’ Sly non se cazzeggia!
Come di fronte all’opera di ogni grande artista la critica si dividerà fra ammiratori sperticati e pierini bacchettoni, snob, con la puzza sotto il naso ed il cuore duro come un sampietrino che non saprebbero riconoscere un’opera d’arte nemmeno se Caravaggio gli imbiancasse il soggiorno ma fidatevi, the expendables è un film che ha un solo difetto, non avere (ancora) un seguito.

Annunci

settembre 8, 2010 - Posted by | Mariani Consiglia

5 commenti »

  1. Mago, ero un po’ titubante ma dopo questa recensione corro subito a vederlo!

    Commento di Giuseppe | settembre 8, 2010 | Rispondi

  2. VOGLIO LA FOTO CON I CAPELLI VIOLA!

    Commento di ADA | settembre 8, 2010 | Rispondi

    • purtroppo non ce ne è traccia alcuna.. ma ho testimoni..
      in compenso su FB ci sono quelle con i capelli argento, mica male

      Commento di l'autore | settembre 8, 2010 | Rispondi

  3. No problem.
    Se la Viola quest’anno arriva sopra la Rometta te li tingi di nuovo di Viola e io avrò tutte le foto che voglio, se succede il contrario dimmi te…

    Commento di ADA | settembre 9, 2010 | Rispondi

  4. il film è a un passo da quota 100 milioni di dollari.. la linea che autorizza automaticamente il sequel! daje!!!!!!

    Commento di l'autore | settembre 14, 2010 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: