Parole sfuse che costano meno

Le donne vengono da Venere, gli uomini da Garbatella

(La mia) Roma sparita

Piangere e lamentarsi dopo una sconfitta è una pratica assolutamente disdicevole. A nessuno piacciono i frignoni per cui mi sarebbe piaciuto poter scrivere dopo una vittoria ma visto che associare nella stessa frase le parole “stadio olimpico” e “tre punti” ormai accade con una frequenza più rarefatta di quella dei miei incontri galanti mi dovrò accontentare di lamentarmi dopo un pareggio.
Mi sono rotto le palle e credo che questo sia un sentimento diffuso fra le persone che come me da tanti anni pianificano vacanze, anniversari, calcetti, partite di poker e presenze in sala parto solo in funzione delle partite della A.S. Roma.
Chiariamo subito che non sto parlando di un peana per gli scarsi risultati degli ultimi mesi, sarebbe ridicolo, antistorico. Avendo scelto di essere romanista ho compreso subito che di soddisfazioni sportive ne avrei avute poche. Nei primi anni di abbonamento essere fuori gioco da qualsiasi traguardo a novembre era la regola e non me ne è mai fregato nulla. Siamo andati a vedere con lo stesso entusiasmo di una finale degli insignificanti 64esimi di finale di coppa Uefa o il primo turno di coppa Italia a Cesena e quasi sempre con lo spettro di una purga infamante che ci avrebbe riconsegnato scoraggiati ma mai domi a 500 km da fare di notte in un pullmann che puzza di piedi.
Abbiamo macinato chilometri, superato gli ostacoli e speso cifre pari al bilancio di uno stato centroamericano di piccole dimensioni solo per vedere una maglia a due colori, il rosso ed il giallo, ondeggiare su un mare verde smeraldo e per la gioia di condividere tutto questo con degli amici scemi quanto noi.
Per quelli come noi il 1° gennaio vuol dire poco o nulla perché l’anno comincia a settembre e finisce a giugno e quando termina il campionato abbiamo la stessa malinconica delusione che ha un bambino in spiaggia a fine estate quando il bagnino chiude le sdraio e le ripone nella rimessa.
Per quelli come noi l’estate comincia veramente solo quando fra le pagine del Corriere dello Sport compare lo “speciale mercato” con le insensate colonne “concluso al 25%”, “concluso al 50%”, “concluso al 75%” e la meravigliosa “oggi giocherebbe così” in cui la Roma sfoggia attacchi degni della Panzer Division della Wermacht.
Per quelli come noi tutti i giocatori che vestono la maglia con i colori della passione e del sole sono fortissimi, da Fabio Jr a Rinaldi, da Mangone a Stefano Pellegrini e non ci importa se per ragioni di bilancio sono stati reclutati in un carcere Laotiano o se arrivano con l’accompagno per certificata invalidità al 100%.
Li ho amati tutti non perché fossero bravi (e che a un fijo je voi meno bene se è scemo? Diceva il “tedesco”) ma perché eravamo parenti nella Roma e quasi sempre questi giocatori hanno avuto l’intelligenza di capire la botta di culo che avevano avuto e ricambiare il sentimento con piccoli gesti che ci facevano felici come quando una delle più grosse pippe della nostra storia recente (Tarzan Annoni) affittò un aeroplano per ringraziare i tifosi dopo il suo ritiro.
Mi sembra però che nulla di questo abbia più un senso perché una volta “tutti quelli come noi” voleva dire 70 mila scalmanati felici con i tamburi, le bandierel le sciarpe ed i panini con la frittata fatti da mamma mentre ora le persone che ci tengono , che si sentono re alle campane della domenica mattina, sono poche e stanche. Mi guardo attorno e trovo solo gente orribile, anche esteticamente, piena di tatuaggi, mutande da 50 euro, piumini cromati e scarpe fatte con animali estinti che vengono allo stadio già incazzate, arrivano fischiando, se ne vanno fischiando e quasi si rammaricano se la squadra vince per non poter urlare insulti fatti solo di vocali modulati tipo “AOOOAOAEUUUOA merde”.
Purtroppo  i giocatori gli sono andati appresso, adagiandosi sul fondo melmoso dell’indifferenza e diventando degli stanchi pensionati di 28 anni che la domenica invece di essere entusiasti per essere sfuggiti al destino da lavapiatti cui QI e genetica li avevano predisposti si permettono di fare smorfie contrariate se il minutaggio non li soddisfa!
Per questo motivo, per la prima volta, in maniera sobria e silenziosa sono andato allo stadio non per tifare ma per contestare questa accozzaglia di finti tifosi occasionali, bori pieni d’oro (in campo e sugli spalti) e gente brutta che vorrebbe portarmi via il mio amore da adolescente.
Riconosco di aver utilizzato un messaggio un po’ criptico che contiene addirittura delle consonanti ed una avversativa ma non mi importa. Le persone “come noi” capiranno.
Daje noi e daje la Roma sempre.

Annunci

marzo 2, 2011 - Posted by | Mariani e il calcio

18 commenti »

  1. Anvedi l’omo tigre!
    bello il post, bellissimo il titolo
    A quando i supplì?

    Commento di Anonimo | marzo 2, 2011 | Rispondi

  2. Rispettoso silenzio

    Puoi risolvere il problema della gente esteticamente orribile con uno specchio

    Commento di tiportereivolentieriallostadio | marzo 2, 2011 | Rispondi

    • Grande Mago, ma soprattutto grande Geps!

      Commento di Anonimo | marzo 3, 2011 | Rispondi

  3. A dir la verità quando ho visto come ti sei conciato, inizialmente pensavo ce l’avessi solo con i giocatori .
    Condivido in pieno quanto scrivi. I tempi dei centrali “piedi buoni e testa alta” Piacentini e Bonacina erano decisamente piu’ decorosi , sia per comportamento della squadra che del pubblico. Mi viene da pensare se sia giusto così: se è proprio questo che ci meritiamo. Ma poi mi rispondo: no, noi (intesi come chi è re alla domenica mattina) no, maledizione!

    Commento di Vese | marzo 3, 2011 | Rispondi

  4. In parte è colpa della tessera del tifoso che ha liberato posti allo stadio per quelli che chiamano le radio ogni dieci minuti e cambiano sempre idea.
    La vera ragione è che ci sono stati troppi anni di successi (per lo standard giallorosso) grazie alla leggenda vivente che porta la fascia di capitano. Adesso che arriva il medioevo, non siamo pronti.
    3 o 4 campionati da 12 posto riporteranno il giusto entusiasmo allo stadio. Solo per gente selezionata, ovviamente

    Commento di Alvi | marzo 3, 2011 | Rispondi

  5. Purtroppo lo strapotere contrattuale dei giocatori con le società (a partire tra le altre dalla sentenza Bosman) li ha fatti diventare dei semidei.I presidenti non si possono più permettere di relegare – come promise Gaucci con Dellas – i calciatori a fare i tagliaerba.
    Penso nel nostro caso a Panucci che per ben 2 volte si è rifiutato di entrare in campo da panchinaro (ed ho sentito pure gente dire che era una “mancanza di rispetto” nei suoi confronti farlo entrare a 10 dal termine). Penso al ciccione avvinazzato che giunto a roma con settimane di ritardo ha disertato la visita medica a Trigoria perchè prima era confuso e si era sbagliato con il luogo e la data e poi si è arrabbiato…
    Maledetti.

    Commento di dan | marzo 3, 2011 | Rispondi

  6. Buuuuuh tribunaro/distintaro da strapazzo!
    Pure Gepi, fischi per lui!

    Commento di anOnIMa | marzo 3, 2011 | Rispondi

    • aho!! e mo basta.. devo setacciare la curva?

      Commento di l'autore | marzo 4, 2011 | Rispondi

  7. Sono in possesso di abbonamento e tessera del cojone ma non ricordo l’ultima partita vista sugli spalti, tornerei volentieri solamente dopo il cedimento strutturale della copertura sulla curva.
    Borriello napoletano de merda

    Commento di Bomber | marzo 3, 2011 | Rispondi

  8. “Scarpe fatte con animali estinti” mi ha fatto cappottare dalla sedia. :D

    Commento di C | marzo 3, 2011 | Rispondi

  9. Diciamolo!!!
    Sei molto + bello cosi’ che dal vivo!!!

    Commento di Paolo | marzo 4, 2011 | Rispondi

  10. Per questa Roma ho fatto cose che voi umani… Come tutti voi del resto!!!
    Da quando sul 4-0 per il manchester ancora intimamente credevo nel miracoloso passaggio del turno, mi sono sempre chiesto: scemo o visionario???

    Commento di Tedesco | marzo 4, 2011 | Rispondi

  11. Ing. Mariani sei fottutamente il mio scrittore preferito: li chiamo io quelli dell’Enel per giustificare le tue assenze…Magari a scrivere queste cose, a causa del famoso QI da te citato, potresti anche essere gambizzato ma dopotutto è giusto ci sia un Saviano anche nella Capitale! Ti strastimo

    Commento di Inchiappetta Pupazzi | marzo 4, 2011 | Rispondi

  12. gepi comunque fa molto psycho. non si vede nella foto, ma con le mani sta provando ad accendere una motosega

    Commento di dan | marzo 9, 2011 | Rispondi

  13. perché siamo tutti talmente scemi di roma, che non appena c’hanno fischiato il rigore a favore abbiamo pensato “mamma mia.. è quasi fatto , ora ne facciamo un altro e nel secondo tempo ci siamo”. che banda de scemi

    Commento di l'autore | marzo 9, 2011 | Rispondi

  14. Mi hai fatto venire i brividi, pensando a storie d’altri tempi con i panini con la frittata e le file allo stadio prima dell’apertura dei cancelli!!
    Ma forse forse a vedere altre realtà uno finisce per riconsolarsi…nello stadio in terra catalana, tra i 75mila seduti sugli spalti, saranno al massimo un 20 per cento quelli che esultano e festeggiano (ma non più d’un quarto d’ora…) e solo se la loro squadra vince dal 5-1 in su!
    …ma ormai il mondo del pallone… non è un paese per vecchi!
    Lascia l’Enel e mettiti a scrivere!!!!

    Commento di Anonimo | marzo 20, 2011 | Rispondi

  15. NO VE PREGO NUN ME LO FATE DIVENTA’ SCRITTORE PROFESSIONISTA MI’ CUGGINO CHE SE FA PROSELITI SEMO ROVINATI!!!!! io ne reggo a malapena uno di Mariani! Me tengo l’originale ma SENZA SEGUACI DIO BONO!!!!!!!
    DAJE SEMPRE perché alla fine allo stadio ce stamo sempre. Idioti senza appello! DAJE LA ROMA!
    …. che poi magari scopriamo che i pensionati 28enni se so’ venduti sto campionato del cazzo e allora tutto si spiega!
    DAJE ROMA DAJE!!!!!

    Commento di Cugino Luca frocio de Roma | giugno 9, 2011 | Rispondi

  16. […] episodi di megalomania ego riferita, mi sono recato allo stadio con un sacchetto di carta in testa (https://tuttologia.wordpress.com/2011/03/02/la-mia-roma-sparita/) per protestare contro un mondo che non sentivo più mio. Da allora abbiamo cambiato presidente, […]

    Pingback di Tifoso occasionale porti male (Speciale Derby) « Parole sfuse che costano meno | novembre 9, 2012 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: