Parole sfuse che costano meno

Le donne vengono da Venere, gli uomini da Garbatella

Analisi delle Ur(I)ne

ghigliottina

Che sarebbe stata una strana tornata elettorale avrei dovuto capirlo fin dall’uscita di casa per recarmi alle urne.

Mi ero alzato presto non per la smania di fare il mio dovere civico (non votavo alle politiche da 10 anni) ma per la necessità di coniugare i valori familiari del pranzo domenicale tutti insieme, la giocata alla Snai e la partita della Roma alle 3 per cui mi sono trovato di fronte al seggio verso le  9:30, io ed un pulmino di suore color grigio canna di fucile; le suore, non il pulmino.
La scuola designata ad ospitare il grande onore d’essere fulcro della democrazia era deserta; al posto dei meravigliosi caramba con i baffoni in stile pinocchio a presidiare il seggio c’era la guardia di finanza, con il loro bel completo in tinta con le suore tant’è che all’arrivo del drappello sono scattati sull’attenti per il saluto  e per ritrovare quei bei rassicuranti mustacchioni mi sono dovuto rivolgere alla madre badessa che ricordava in maniera sorprendente il  Generalfeldmarschall  Paul Von Hindemburg grazie a due splendidi favoriti in lana di roccia ed una peluria a manubrio sul labro superiore che nascondeva a malapena un sorriso crudele.
Per un motivo che sfugge all’umana comprensione i 5 seggi elettorali ospitati dalla scuola elementare Oberdan sono tutti al terzo piano senza ascensore per cui  le suorine si sono  raggruppate in formazione come il Gattiger  ed hanno affrontato il gran premio della montagna sbuffando come una locomotiva Stephenson alimentata a catrame.
Io ne avevo contate 8 alla partenza ma credo che almeno un paio se le siano mangiate i bigfoot che vivono nella sala arte al primo piano perché il drappello di ultras della cremonese che ha raggiunto la vetta (al grigio ferro avevano aggiunto uno splendido rosso triglia) era sicuramente meno numeroso.
Giannino volevo votare e Giannino ho votato, a dispetto dell’aver scoperto le mille cazzate raccontate ho ritenuto che un buon programma, anche esposto dal conte Nuvoletti imbottito di LSD fosse da preferire ad una marea di stronzate enunciate da Lincoln che comunque ha avuto il buongusto di farsi accoppare un secolo e mezzo fa senza reincarnarsi in nessuno dei nostri cari leader e quindi era fuori gioco.
Le elezioni sono andate come sono andate, il figlio del meccanico ha partorito un capolavoro che lo accomuna ai romani a Canne ed agli spagnoli a Trafalgar perdendo una campagna elettorale  che anche Zum, il delfino del Galak, avrebbe vinto ingollando aringhe crude e facendo piroette ma la colpa non è sua finché la piaga del suffragio universale appesterà questo paese attribuendo al popolaccio brutto poteri che dovrebbero essere affidati a divinità ancestrali.
Basta guardarsi indietro con attenzione e capire che le cose vanno davvero male in Italia da quando il voto è stato esteso a tutti (il fascismo non è mica andato al potere catapultato da invisibili volontà marziane ma ha stravinto libere elezioni) interpretando in maniera suicida una truffa inventata dai greci che avevano chiamato governo del popolo un cosa dove solo i maschi  ricchi, liberi e colti facevano il bello e cattivo tempo convincendo la suburra di contare qualcosa.
Ora io non voglio avere ragione per forza ma vi invito solo a riflettere che tutto quello che di buono è stato realizzato in questo paese in termini di diritto, storia, arte, cultura e religione è frutto del sagace ed illuminato dominio di un sistema feudale, di una teocrazia spietata o di un impero in cui la successione era determinata da colpi di stato militari e pugnali acuminati.
Si torni dunque a forme di governo più responsabili come il sorteggio integrale che ha portato lo scudetto al Verona,  la monarchia assoluta, il vassallaggio o la dittatura militare. Regimi in cui pochi si prendono la responsabilità di tutti e, nella malaugurata ipotesi di un fallimento, rispondono ad una folla inferocita armata di forconi che li impicca alla torre campanaria per sostituirli con altri identici un istante dopo … ah no.. facciamo già così ma purtroppo non ci togliamo nemmeno le sfizio dell’impiccagioni.  Che spreco di tempo.

 Nota a margine

Adempiuto il mio sacro dovere ho bighellonato per la scuola per aspettare la discesa per delle religiose sperando di poter raccontare dal vivo la bellissima barzelletta “che cos’è nerobianconerobianconerobianco nero bianco? Una suora che ruzzola dalle scale”  ma il fato non mi ha voluto sorridere. Peccato

Annunci

febbraio 28, 2013 - Posted by | Editoriali

10 commenti »

  1. N°1 tutti sanno che Mussolini è stato messo li dagli omini grigi e i suoi treni arrivavano in orario perchè frutto di retroingegneria aliena.

    N°2 Lincoln ha fatto grandi cose, non ho visto il filma ma so che prima di concedergli il voto ammazzava i vampiri. Una prece.

    N°3 fosse per me farei votare anche il sedicenni, i quindicenni e pure i clienti dl mio negozio. Tutti.

    N³ nell’attesa che si compia il dramma suggerisco a tutti di imparare un pò di cantonese… Anarchia unica via, votopertutti, potereallademenza.

    Commento di Nonno | febbraio 28, 2013 | Rispondi

  2. Sempre PIU’ meglio! Nota a margine: non avresti potuto raccontare la barzelletta anche perchè le suore erano vestite di grigio e non di nero. Per la precisione (Massimo Alfredo Giuseppe Maria)

    Commento di Paolo | febbraio 28, 2013 | Rispondi

    • Però la barzelletta é comunque bella, l’avrei dipinta con l’uniposca solo per poterla raccontare

      Commento di Anonimo | febbraio 28, 2013 | Rispondi

  3. Italia, mari: forza Roma

    Commento di aniello nazaria (@aniello_nazaria) | febbraio 28, 2013 | Rispondi

  4. Abbasso il suffragio universale e viva il Verona scudettato.
    PS La suora alla guida era Sarah Kennedy
    Il malmostoso signor Enrico

    Commento di Anonimo | marzo 1, 2013 | Rispondi

    • perché non ti firmi malnato! è forse il miglior commento di sempre

      Commento di zemariani | marzo 1, 2013 | Rispondi

  5. “Dice” che alle prossime si candida pure Feudalesimo e Libertà; a quel punto ricomincio a votare. Chapeau alla compianta precisione di MAGM

    Commento di Shar | marzo 2, 2013 | Rispondi

  6. lo sai chi sono dai…e che cazzo!
    Il malmostoso signor Enrico

    Commento di Anonimo | marzo 3, 2013 | Rispondi

    • lo so si, ragione per cui emenderò i tuoi commenti con una firma posticcia

      Commento di zemariani | marzo 4, 2013 | Rispondi

  7. dovresti seguire il programma di http://www.accelerareildeclino.it

    Commento di Anonimo | marzo 7, 2013 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: